Agnello marinato con patate

È un piatto tipicamente festivo, anche perché l’elaborazione delle carni necessita un poco di tempo. E, in ogni caso, lo sforzo sarà premiato, perché portare in tavola un succulento piatto di agnello non è da tutti i giorni, appunto!

In questa ricetta abbiamo messo insieme carni saporite,Leggi di più...

  • 10-20 min
  • Facile
  • 4 persone

Ingredienti

Preparazione Agnello marinato con patate

  • Step 1

    Disponete le costolette di agnello in una padella, salate e pepate. Aggiungete tutte le spezie, le foglie di menta tritate, la senape, la salsa di soia e il ketchup, cospargete gli ingredienti su tutta la carne, insaporendola per bene.

  • Step 2

    Sbucciate le patate e tagliatele a fettine sottili. Poi tagliate ogni fetta in strisce sottili. Lavate le patate e asciugatele bene. Friggetele in una padella con un filo d'olio d'oliva per renderle croccanti. Aggiungete un pizzico di sale.

  • Step 3

    Lasciate marinare le costolette almeno per 2 ore. Trascorso questo tempo, cucinatele in una padella con un filo d'olio d'oliva e lasciatele abbrustolire su entrambi i lati. Una volta dorate, aggiungete la pastiglia di I Fondenti in padella Star Timo e Rosmarino e lasciatela sciogliere. Servite le costolette con le patate paglia.

Valuta questa ricetta

Consigli per cucinare Agnello marinato con patate

Trucco: Una marinatura aromatica!

Per questo e tutti i piatti che prevedono una marinatura, il trucco è usare per la macerazione un olio previamente aromatizzato. Gi ingredienti possono essere vari, noi suggeriamo di usare delle erbette aromatiche. Scottate appena le foglie delle erbe prima di tritarle. Poi immergetele in un barattolo pieno d’olio e conservate nel frigorifero.

Truco destacado de la receta
Prova il nuovo Gran Ragù con Polpette

nella versione Classica e Salsiccia

grazie alla marinatura previa, e patatine paglia: specchietto per le allodole per avvicinare i bambini a piatti “difficili”. Provate e fateci sapere!

L’agnello, che di solito si consuma in determinati periodi festivi, come la Pasqua, si può consumare tutto l’anno, meglio però riservarlo per occasioni speciali, come i pranzi domenicali in famiglia o durante le cene con amici. Come accompagnamento, prediligete le patate fritte o al forno o, a seconda della stagione, carciofi alla Giudia o verdure.