Tutti conosciamo la pasta sfoglia, detta anche millefoglie per la consistenza che assume la pasta dopo la cottura, con la sua separazione in sfoglie fini e croccanti. Questa diventa il contenitore ideale di torte salate, quiche, strudel, salatini e/o la base per creare ogni tipo di pasta fresca.

Ma vi siete mai domandati da dove arriva questa fantastica invenzione di cui non possiamo fare a meno in cucina? Pare che non esistano notizie verificate sull’inventore (o inventrice) della pasta sfoglia sebbene esistano alcuni aneddoti.

Leggi di più...

Narra, infatti, la leggenda che un pasticcere francese Claude Lorraine (o Claude Gelée), intorno al 1613, stesse preparando un impasto per un dolce e avesse dimenticato di aggiungere la materia grassa. Per questo motivo, decise di stirare la sfoglia molto sottile, aggiungendo il grasso, raddoppiando la pasta e tornando a stirarla al fine di distribuire in modo omogeneo la materia grassa tra i due fogli di pasta scartando il lievito. La sorpresa arrivò al momento di tirare fuori il dolce dal forno, allorché il nostro pasticcere si accorse che questo era molto più leggero e croccante.

Una leggenda che ricorda l’origine di molte ricette, frutto di errori, che poi fecero storia in cucina, come, ad esempio, il panettone. Quali siano le origini della pasta sfoglia, questa permette un grande spettro di usi in cucina con il minimo di ingredienti e grazie a una buona tecnica: l’effetto del calore del forno sul burro (o altra materia grassa che si trovi tra le sfoglie) dà come risultato quello che tutti conosciamo: una pasta voluminosa dalla delicata consistenza leggera e croccante molto versatile in cucina e in pasticceria.

Ci sono tecniche diverse per preparare la pasta sfoglia – a seconda che la materia grassa si aggiunga tra le pieghe delle sfoglie, si aggiunga sulla superficie, con il grasso incorporato nell’impasto o con poco grasso – e, in funzione di ciò, anche il suo uso varia per croissant, torte dolci o salate, voul au vent con i quali preparare deliziosi antipasti nei giorni di festa.

L’elaborazione artigianale della pasta sfoglia non è facile, bisogna usare delle precauzioni ma, anche nelle nostre ricette, vi diamo spesso la possibilità di utilizzare, ad esempio, la pasta sfoglia già pronta, tanto fresca come congelata. Questa si trova facilmente in qualsiasi negozio o nelle grandi catene.

Una buona norma è tenerne sempre una scorta già pronta in casa da poter utilizzare per preparare strudel, torte salate o quiche, mettendo a frutto la saggezza delle nostre nonne e mamme e utilizzando, ad esempio, gli avanzi per preparare ripieni di verdure, pesce o carne.

Anche molti dolci si preparano con una buona base di pasta sfoglia e con essa potete mettere assieme buccellati, tortine o fagottini dolci, molti utili sia per una merenda improvvisata in quattro e quattr’otto, sia per preparare biscotti e dessert per la vostra tavola delle feste.

Noi ci abbiamo provato a mettere insieme ricette, dalle più semplici alle più complesse, per poter ricoprire tutto il ventaglio delle possibilità, ora tocca a voi mettere le mani in pasta.

Vediamo che cosa sapete fare!