Tradizioni di Pasqua a tavola

Assieme al Natale, è una delle feste più tradizionali e famigliari che si celebrano nel mondo occidentale e, come spesso avviene nel nostro Paese, attorno a una tavola imbandita.

Che la colomba, l’uovo di cioccolato, la torta pasqualina e l’agnello o il capretto siano parte integrante della tradizione gastronomica pasquale italiana, è cosa risaputa. Ma, la fantasia è una delle chiavi per una buon riuscita in cucina e siamo sicuri che le idee non vi mancheranno per sorprendere i vostri commensali. Per aiutarvi nell’impresa, vi presentiamo la nostra tavola di Pasqua, tra tradizione e innovazione.

Le uova stanno alla Pasqua come il torrone al Natale, però non solo quelle di cioccolato, tutti i tipi di uova, soprattutto quelle “vere” che si possono preparare per deliziosi antipasti. Qui, la nostra ricetta di uova sode, erba cipollina e salmone.

uova sode erba cipollina salmone

Se uno dei primi piatti più tipici di questo periodo è la minestra maritata, un primo di origini napoletane preparato con broccoli, agnello, gallina, altri piatti si possono preparare  per la gioia dei nostri invitati. Noi puntiamo su un risotto al salto, coreografico e gustoso. 

I ravioli con la ricotta (altro ingrediente principe dei piatti pasquali) possono essere un degno sostituto - o compagno, se si vuole abbondare con il menù - del riso. La ricetta dei ravioli con ricotta aggiunge nel ripieno qualche fogliolina di basilico per un profumo più intenso.​

L’agnello o il capretto al forno saranno presenti sulla maggior parte delle tavole italiane, simbolo cattolico di purezza, redenzione e resurrezione.  E se, mentre per il primo, la nostra proposta si mantiene sulla tradizione, un croccante cosciotto di agnello al forno con patate,  il secondo, capretto con asparagi e carciofi, si veste a festa indossando le due verdure primaverili per eccellenza. 

capretto con asparagi e carciofi

Focacce salate con uova soda o torte con verdure, sono cointerpreti del piatto principe sullo scenario di Pasqua. Naturalmente, visto il nome con cui si presenta, la torta pasqualina merita tutta la nostra attenzione anche perché è una pietanza molto antica, da tempo immemore collegata alla Pasqua. Nata in Liguria, la torta pasqualina ha percorso tutto lo Stivale per presentarsi a tavola con varianti nel ripieno (dai carciofi, agli spinaci).

L’originale si prepara con le bietole (verdura umile), uova, formaggio e ricotta (i “puristi” utilizzano la prescinseua, una sorta di ricotta ligure). Il segreto sta nella sfoglia (deve essere molto sottile) e, originariamente si disponeva attorno al ripieno fino a 33 fogli, numero simbolico a indicare gli anni del Cristo. La nostra versione utilizza la sfoglia pronta, perché, si sa, a volte il tempo è tiranno! 

E per concludere in dolcezza, il nostro motto è non solo uova e colomba! La nostra proposta di dessert pasquale è una Sfoglie con composta di frutti rossi e cioccolato … perché una Pasqua senza cioccolato che Pasqua è!

torta pasqualina torta-ai tre cioccolati

Vota questo articolo