Star e Aism - una scelta di cuore

STAR, che da sempre è vicina ai bisogni e alle abitudini alimentari delle famiglie italiane e interprete  del gusto e della tradizione culinaria del nostro Paese, quest’anno compie 65 anni.

Per festeggiare questo importante traguardo Star, insieme ad AISM - Associazione Italiana Sclerosi Multipla – fa una scelta di cuore, che vuole rispecchiare i valori e la costante attenzione dell’azienda verso i tutti consumatori.

Infatti, a partire da settembre fino a dicembre 2013, l’Azienda sostiene l’Associazione e il progetto “Cucinare in Autonomia”, donando l’equivalente di 1300 ore di terapia.

Il progetto di terapia occupazionale, dalla forte impronta pratica, mira a migliorare concretamente la qualità di vita quotidiana delle persone con sclerosi multipla, prevalentemente donne, tramite attività riabilitative che le renderanno il più possibile autonome in cucina.

I corsi si svolgono nella cucina accessibile installata presso il Servizio di Riabilitazione AISM Liguria e possono prevedere sedute individuali o di gruppo in relazione alle indicazione previste nel progetto riabilitativo di ognuno dei partecipanti.

Gli obiettivi del trattamento di Terapia Occupazionale finalizzato a "Cucinare in autonomia"  comprendono:  

1) “Soluzioni e strategie di accessibilità in cucina”: provare in uno spazio appropriato, contestualmente allo svolgimento del compito, le soluzioni per l’accessibilità ambientale, gli ausili e gli strumenti per facilitare la preparazione dei pasti;

 

2) “Rieducazione del gesto funzionale in cucina”: contestualizzare il trattamento di rieducazione funzionale dell’arto superiore; l’ambiente fornisce la possibilità di fare esperienza di gesti e strumenti con caratteristiche adattabili alle esigenze del trattamento;

 

3) “Rieducazione dell’attività in cucina”: educare o ri-educare alle attività di vita quotidiana legate alla preparazione dei pasti e alla gestione dello spazio cucina.

 

È molto stimolante per le persone con sclerosi multipla svolgere attività riabilitativa con questa modalità: si stimola in loro la voglia d’imparare, la voglia di maggior autonomia e la voglia di mettersi in gioco in prima persona che talvolta le difficoltà legate alla disabilità fanno venir meno. Con l’aiuto della strumentazione disponibile, degli ausili, di strategie e tecniche, i pazienti possono trovare soluzioni a problematiche incontrate quotidianamente, re-imparare o ritrovare l’autonomia (o parte di essa) e con questa anche l’autostima. Nel lavoro di gruppo inoltre, diviene rilevante il fattore relazionale, molto importante dal punto di vista emotivo. 

L’attività avrà quindi importanti effetti sulla qualità di vita dei partecipanti, offrendo loro modalità e trucchi per vivere al meglio una delle aree di maggior condivisione delle nostre case: la cucina.

In questo modo Star ha deciso di festeggiare il suo compleanno: restando in cucina, vicina alle famiglie italiane.

Vota questo articolo