Pesto più brillante e altri trucchi

Sia che siate fan del pesto casalingo sia che utilizziate quello già pronto - perfetto per i ripieni, le torte salate o per imbastire una pasta saporita in quattro e quattr’otto -, dovete tenere presente che state maneggiando una salsa “delicata”.

Il basilico fresco, che si utilizza anche per preparare il nostro Tigullio Gran Pesto nelle diverse varianti, è una piantina delicata e le foglioline, una volta processate, possono cambiare di colore e scurirsi troppo ... altri accorgimenti vi permetteranno di usare il pesto in modo inedito e creare, così, piatti originali e personalizzati.

Il pesto risulta scuro. Questo succede, in generale, perché questa salsa non ama il caldo. Dunque, se, una volta cotta, pensate di saltare la pasta in padella per amalgamarla ad altri ingredienti, non aggiungete anche il pesto. Fatelo solo alla fine della cottura definitiva.

Un condimento alternativo. State cercando un modo per condire i vostri piatti al vapore o grigliati che risulti saporito e leggero? Avete mai provato con il pesto? Potete spalmarlo sulle verdure grigliate, ne basta veramente poco, oppure usarlo per insaporire le vostre insalatine o antipasti a base di pomodoro e mozzarella.

Un accoppiamento perfetto. Qui le varie scuole di pensiero (e di cucina) si dividono: con il pesto è meglio usare il parmigiano o il pecorino? Naturalmente, tutto dipende dai gusti. Se volete ottenere un sapore più delicato optate per il parmigiano, se, invece, vi piacciono i sapori forti, usate pure il pecorino. Una cosa è certa, a meno di essere intolleranti ai latticini, la parola d’ordine è: mai il pesto senza il formaggio!

E voi di quale scuola di pensiero siete: parmigiano o pecorino? Fateci sapere!

Vota questo articolo