Mai più cibo nelle immondizie

 

Un terzo degli alimenti prodotti a livello mondiale finisce nell’immondizia. Anche la UE si muove per mettere un freno a questo sperpero

 

Leggendo le cifre della quantità di cibo che finisce nella spazzatura si ha la netta sensazione che nella catena alimentare qualcosa non funziona. Per sensibilizzare i cittadini, l’Unione Europea ha pubblicato un vademecum in cui offre consigli su come limitare questo autentico (e immorale) spreco. Lo ha fatto durante la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (www.ecodallecitta.it/menorifiuti/) tenutasi in diverse città europee per fare fronte a cifre come queste: nei Paesi UE si buttano in un anno all’incirca 89 milioni di tonnellate di cibo, una media di 149 chili pro-capite.


Quasi 150 chili di cibo all’anno per persona per un’emergenza che è ormai mondiale, se è vero che in tutto il mondo circa un terzo degli alimenti prodotti per il consumo umano viene sprecato (Fonte FAO). Come ridurre questi sprechi? Nel vademecum la Ue propone strategie da seguire su come fare la lista della spesa, come agire di fronte alle date di scadenza dei prodotti e su come gestire la dispensa. Veri e sostenibili consigli per gli acquisti.

 

Voi come agite per evitare gli sprechi di cibo? Che strategie usate?

Vota questo articolo