I piatti vittoriani che arrivano dagli USA

Epoca vittoriana con elementi di futurismo si mescolano nel movimento letterario anglosassone in piena espansione. Fenomeno letterario, artistico e socioculturale, sta entrando persino in cucina!

 

Lo "steampunk", secondo Wikipedia, nasce come movimento letterario e, piano piano, ha invaso altri ambiti della vita e della cultura USA e UK, per conquistare poi tutta Europa. Si concretizza nell’introdurre elementi futuristi in epoca vittoriana. Nell’abbigliamento, per intenderci, l’estetica è molto simile a quella vintage, nell’arredamento lo stile di riferimento è il gotico, mentre nel cinema e nella letteratura storie fantascientifiche, ambientate nell’epoca di riferimento, avvengono in mondi futuristi dove la vita, però, è regolata da enormi macchinari funzionanti a vapore ... un po' come nei film di Tim Burton.

E in cucina? Ebbene, in uno dei blog di riferimento della “gastronomia” steampunk, il cuoco Aaron ha codificato alcune delle regole “steampunk”.

Bisognerà dimenticarsi di pizza e pasta. Se si vuole essere in sintonia con il movimento anche tra i fornelli bisognerà disporre di un caminetto, un forno a legna una cucina di foggia antica che permetta di cucinare al vapore (ma molti cuochi adepti allo steampunk utilizzano forni e cucine attuali). Poi non si potrà prescindere dal consumare i tipici biscotti burrosi all’ora del tè, modellati a forma di ruote dentate e bulloni. I tortini ripieni di carne andranno cotti sulla legna e i pasti o i picnic saranno a base di zuppe, vellutate, carni di maiale o manzo arrostiti e, per dessert una crostata di frutta (meglio se di ciliege).

Supponendo che in Italia sarà ben difficile scalfire il primato della pasta, il nostro suggerimento è di introdurre “elementi” di cucina steampunk in occasioni un poco speciali e di prendere qualche spunto da "Aaron" per organizzare un banchetto a tema durante gli imminenti festeggiamenti di Halloween!

 

Foto: The Steampunk Bride

 

Che ne pensate? 

Vota questo articolo