Gastronomia sotto l'albero

Anche se - non possiamo fare a meno di ricordarlo - i tempi non sono rosei per tutti, pare che gli Italiani non intendano rinunciare al rito dei regali, con le dovute riduzioni (di budget e quantità) e puntando, quest'anno, sulla gastronomia.

 

Complice la crisi economica, che rende tutti più parsimoniosi e pragmatici, e, chissà, il boom della gastronomia che, in Italia, va per la maggiore (anche nei media), è sui regali alimentari che punteranno almeno 3 italiani su 4 per festeggiare il Natale 2013. Questo si evince da una statistica pubblicata da Confcommercio. Altro dato interessante per il nostro Paese è il ricorso di internet per gli acquisti, strumento di vendita in crescita soprattutto per il pubblico al di sotto dei 35 anni.

Ma come sarà composto il cesto gastronomico che gli italiani troveranno (e lasceranno) sotto l’albero? Non esiste una vera e propria statistica ma, di sicuro non mancheranno il panettone, il classico formaggio parmigiano e il prosciutto di Parma. Nei mercatini di Natale, poi, gli italiani si approvvigioneranno di prodotti tipici locali, dal torrone, al miele, allo zampone passando per tutti i tipi di dolci e biscotti al cioccolato. Non mancheranno, naturalmente, le lenticchie (per il classico brindisi di fine anno) e, dulcis in fundo, vino di qualità e spumante.

 

Qual è il regalo gastronomico che vorreste trovare sotto l’albero?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vota questo articolo