Come si prepara un gazpacho andaluso

È uno dei piatti più saporiti e nutrienti della cucina iberica e tra i più famosi al mondo!

È la soluzione perfetta per rinfrescanti cene estive o apericene in spiaggia, in giardino e in terrazza. E, oltre a ciò, è un vero e proprio concentrato di vitamine, minerali e antiossidanti.

Soddisfa tutte le fasce d’età e tutte le esigenze: chi si appresta alla prova costume e opta per pasti leggeri; chi deve fare i conti con bambini che non mangiano volentieri le verdure crude; chi cerca alternative e creative ricette vegetariane.

Nel Belpaese non mancano zuppe simili, come quelle fredde alle varie verdure di stagione e, tra queste, naturalmente, quella al pomodoro!

Il Gazpacho però ha un fascino tutto suo, oltre ad avere un deciso sentore di Spagna (e di vacanze), è originario di una delle terre più calienti e simpatiche della penisola: l‘Andalusia, patria del flamenco, terra di poeti (Garcia Lorca), sede di città affascinanti e misteriose (Siviglia, Granada, Cordova).

Insomma, a noi il gazpacho è estremamente “simpatico” e per questo abbiamo fatto una ricerca attraverso i nostri cuochi e vi proponiamo qui la nostra versione facile e dissetante che, siamo certi, soddisferà il palato di tutta la famiglia.

Per prepararlo, dovete procurarvi: pomodori maturi, cetriolo, peperone verde, peperone rosso, cipolla, aglio, olio extra vergine d’oliva, aceto, un poco d’acqua , del pane secco, un pizzico di sale, un pizzico di pepe, qualche cucchiaiata di salsa di pomodoro e del prosciutto crudo a dadini (facoltativo). Per il resto … leggete qui e scoprirete com’è facile prepararlo!

Una volta pronto, conservatelo in frigorifero e portatelo in tavola con dei crostini di pane, aggiungendo all’ultimo momento una manciata di trito fresco delle stesse verdure che avete usato per la crema e per finire, come si dice, in spagnolo: ¡que aproveche!

Vota questo articolo