Come preparare un barbecue da professionista

L’estate fa rima con il mangiate all’aperto, spesso in compagnia di amici e famigliari. Chi non ricorda le tavolate in campagna attorno a un fumante braciere con spiedini di carni, pesci e verdure … Tovaglie, piatti e forchettone di plastiche, vini freschi, crostate e macedonia?

Il barbecue in Italia ha una vera e propria tradizione, che va da Nord al Sud, ha visto sorgere varie scuole di pensiero, conosce numerosissime pubblicazioni in cui si spiegano per filo e per segno le ricette più fantasiose, quali siano i kit indispensabili e le mille astuzie da mettere in atto per preparare il barbecue perfetto e fare tutti felici e contenti.

Eccoci dunque, giunta la stagione, a un un mini compendio dal quale poter trarre spunti per le vostre grigliate estive.

Il kit perfetto

Innanzitutto il barbecue, che, vista l’evoluzione del mercato, si trova  proposto in tutti i modi, i prezzi e le forme. Tra le ultime novità, quelli con forme arrotondate (tipo ufo!), porta coperchio e griglia gourmet. Poi, gli accessori, che non devono essere molti, ma alcuni strettamente necessari, come: gli spiedini lunghi (di metallo o bambù); le pinze lunghe (per posare gli alimenti sulla griglia e girarli per facilitare la cottura da ambo i lati); la spatola (per sollevare gli alimenti una volta cotti); i pennelli da cucina (per spennellare e bagnare il cibo durante la cottura); una graticola (se non è già integrata nel barbecue); piatti e vassoi per posare carni e verdure una volta cotte. Ultimo ma non ultimo, i guantoni per non bruciarsi e il grembiulone per non imbrattarsi!

Per il dopo cottura, sarà anche necessario provvedersi di un minimo di prodotti per la pulitura. Tra questi: spazzola di metallo e spray specifico. Da non dimenticare, naturalmente, la carbonella con carbone o, per i puristi, la legna e poi … dateci dentro con fiammiferi e carta di giornale per aerare e dare vita a un fuoco dalla temperatura giusta, né troppo aggressivo, né troppo blando.

La preparazione

Il barbecue va acceso almeno 2 ore prima di dare il via alla cottura e ricordate di mantenere la fiamma tendenzialmente bassa per un’ottimale cottura dei cibi (e soprattutto per non bruciacchiarli). Per il cibo, invece, la preparazione inizia almeno il giorno prima. Carne, pesce e verdure dovranno essere marinate per almeno 24 ore. L’ideale è preparare una mescola di olio d’oliva, bucce o fettine di agrumi, tante spezie. Se però, cercate un gusto nuovo, seguite il nostro consiglio. Per preparare la ricetta abbiamo usato Il Mio Sugo Star Datterino e ottenuto, così, una salsina stuzzicante e ottima per inzupparci le verdure. 

Gli alimenti ideali

Non ponete limiti alla fantasia e lasciatevi tentare dagli abbinamenti più azzardati. Sui sentieri più abituali, potrete, invece, optare per: carni bianche (meno grasse), ma non si può rinunciare alla salsiccia (meglio se luganega) o alla saporita carne di maiale; il pesce azzurro (sardine, sgombri, acciughe).

Le verdure ideali sono: i peperoni, le melanzane, le zucchine, i pomodori, le cipolle, i carciofi, i funghi e le patate. Per rendere, infine più fresche le vostre grigliate, sarà bene portarvi dietro delle insalatone miste già pronte, da condire al momento, e molta frutta per finire con un poco di zuccheri e freschezza. Non dimenticate, inoltre, che la stagione è propizia e fornisce numerosi prodotti che si prestano a questo tipo di cottura. Puntate, dunque, sui prodotti di stagione.

… E per finire … i Vini!

Queste scorpacciate caratteristiche devono essere innaffiate a dovere, con acqua? Sì, certo, però se volete trarre spunto per scegliere il vino ideale (che non dovrà mancare), leggete qui i nostri consigli per un abbinamento perfetto!

Vota questo articolo