Christian Andreini, chef stellato

Christian Andreini, titolare del ristorante omonimo ad Alghero, con il fratello Gianluca, decide di rimettersi in gioco all’estero, dopo anni di onorata carriera, l’elaborazione di una personalissima e creativa cucina delle idee e l’arrivo, tra i vari riconoscimenti, di una stella Michelin dal 2010 (una delle poche dell’isola).  Tra i vari progetti sceglie di partire per la Russia, dove pensa di portare la sua cucina innovativa … in realtà scopre che i Russi amano la cucina tradizionale italiana e, così, è tutto un tripudio di mozzarelle, tagliatelle e risotti! Sì, ma con un tocco del tutto personale, che gira attorno alle sue origini e alla sua creatività. Un po’ di sole di Sardegna all’ombra del Cremlino!

 

Christian, quando hai aperto il tuo ristorante ad Alghero?

10 anni fa. Dopo varie esperienze assieme a mio fratello – che si occupa di vini - in Francia, abbiamo aperto ad Alghero il ristorante Andreini.

Nonostante in Italia si coltivi un certo legame con la propria cultura culinaria, tu hai pensato, sin dall’inizio, d’innovare.

Sì, ho sempre definito la mia una cucina “delle idee,” “personale” e “di prodotto”. Questi sono i tre capisaldi; seguendo dei filoni, a volte più carne o più pesce o più spezie. Non si può vivere cucinando soltanto tagliolini!

Perché hai deciso di partire?

Succede nel nostro mestiere. Dopo l’ottenimento di molti riconoscimenti, tra cui la stella Michelin, la voglia di cambiare radicalmente e di rimettersi in discussione era forte. Cercavo un progetto interessante con cui ripartire da zero.

E l’hai trovato in Russia?

Ho solo valutato tra le varie offerte. Quello di Mosca mi è sembrato il progetto più interessante.

Dove può trovarti in Russia il tuo pubblico di aficionados?

All’ingresso della Piazza Rossa, nel ristorante dell’albergo storico di Mosca “il Nacional”. Da pochi mesi abbiamo introdotto la carta italiana accanto a quella moscovita. Ma il progetto vero e proprio parte a settembre, quando sarà finalizzata la ristrutturazione delle cucine, delle sale e delle camere.

Quali sono i piatti più richiesti? Che cosa piace ai tuoi clienti russi.

Sono rimasto molto impressionato della loro conoscenza dell’Italia, per loro è quasi un mito. Sanno tutto della nostra musica, la moda, le tradizioni e, naturalmente, la cucina! Ho, inoltre, scoperto che preferiscono la cucina tradizionale italiana.

Qual è il piatto più richiesto?

Il risotto alla milanese, l’ossobuco, i ricci di mare (importati direttamente dalla Sardegna) e, naturalmente, il pane carasau! A settembre, i clienti potranno scegliere tra: una cucina più innovativa e una tradizionale, più classica.

Qual è uno dei tuoi piatti forti nel ristorante di Alghero?

I tagliolini in crosta di pecorino salvia e bottarga di muggine oppure il pesce spada in crosta di bottarga, servito con melanzane arrosto e crema di ricotta affumicata.

 

Vi è venuta voglia di provare uno di questi piatti che già dal titolo paiono squisiti? Ecco la ricetta di Christian Andreini: pesce spada in crosta!

 

 

 

 

 

 

 

Vota questo articolo