Vitello all'aglio con patate fritte

Aggiungete sapore alla solita fettina di carne e portate in tavola un secondo piatto semplice e stuzzicante: vitello all'aglio con contorno di patate fritte.Leggi di più...

  • 20-40 min
  • Facile
  • 4 persone

Ingredienti

Preparazione Vitello all'aglio con patate fritte

  • Condite i filetti con un pizzico di pepe e infarinateli.

    Step 1

    Condite i filetti con un pizzico di pepe e infarinateli. Fateli soffriggere in una padella con un filo d'olio d'oliva. Quando sono dorati, metteteli da parte.

  • Conservate l'olio nella padella e metteteci a soffriggere la cipolla, gli spicchi d'aglio e il prezzemolo tritato.

    Step 2

    Conservate l'olio nella padella e metteteci a soffriggere la cipolla, gli spicchi d'aglio e il prezzemolo tritato. Quando la cipolla è trasparente, incorporate la farina che non avete usato per infarinare le fettine (un cucchiaio circa) e mescolate per ottenere una salsa omogenea. Aggiungete il vino e continuate a mescolare fino a che la salsa inizia a sobbollire.

  • Irrorate le fettine di carne con la salsa così ottenuta e aggiungete il cubetto di Il Mio Dado Star - Classico sbriciolato, che conferirà maggiore sapore al piatto

    Step 3

    Irrorate le fettine di carne con la salsa così ottenuta e aggiungete il cubetto di Il Mio Dado Star - Classico sbriciolato, che conferirà maggiore sapore al piatto. Continuate a mescolare.

  • Step 4

    Lasciate cuocere il tutto per altri 25 min. a fuoco medio, mescolando di tanto in tanto. Nel frattempo, fate friggere le patate in abbondante olio d'oliva e servitele di contorno.

Valuta questa ricetta

Consigli per cucinare Vitello all'aglio con patate fritte

Quando si riduce una salsa, il suo sapore risulta ancora più concentrato. Questo significa che, a mano a mano che aumenta la concentrazione del liquido, aumenta anche la concentrazione del sale. Così, in questa ricetta, abbiamo eliminato il sale e usato un pizzico di pepe e, sempre per insaporire, il Mio Dado Star - Classico. Per legare meglio una salsa, inoltre, ricordatevi che si può ricorrere anche a un addensante, come l'amido di mais o di riso.

Truco destacado de la receta
Prova il nuovo Gran Ragù con Polpette

nella versione Classica e Salsiccia

Come preparare il vitello all'aglio con patate fritte

Accompagnare la carne con una salsina è il modo migliore per dare un tocco speciale al piatto di tutti i giorni. Bisogna infatti riconoscere che la fettina di carne in padella, sicuramente sana e saporita, rischia però, a lungo andare, di risultare un po' monotona. Che ne dite, allora, di dare un tocco di brio alla scaloppina quotidiana? La ricetta che vi proponiamo oggi può sembrare elaborata, ma in realtà lo è soltanto in apparenza. 

Il filetto di vitello, la parte più tenera e saporita dell'animale, qui viene semplicemente accompagnato da una salsina fatta direttamente sul fuoco con vino, aglio, cipolla e prezzemolo: ingredienti tipici di tutti i piatti aromatici della cucina mediterranea. 

Il nostro vitello all'aglio con patate fritte è una buona idea che non mancherà di far venire l'acquolina in bocca ai vostri ospiti. Una preparazione un po' più lunga del solito (ma di poco), in questo caso è infatti sinonimo di maggiore gusto, sapore e originalità.

Se parliamo di vino da utilizzare in cucina, ricordate che scegliere quello più adeguato per ogni piatto è una garanzia di riuscita sia per la ricetta, sia per il vino che, poi, potete anche presentare in tavola. Nel caso delle carni bianche, dato il loro sapore delicato, si consiglia di utilizzare sempre il vino bianco.

Ecco qui  il vostro secondo di oggi, da preparare seguendo i consigli che trovate di seguito. Avanti con la lettura! 

Il contorno suggerito è di patate fritte ma, se volete alleggerire un poco questa portata, potete optare per un'insalata fresca, delle verdure crude oppure cotte.  Se invece volete creare un pasto completo evitando le patate, accompagnate il vitello all'aglio con del riso bianco di tipo basmati.

Non dimenticate, inoltre, che con le carni è fondamentale regolare al meglio la durata della cottura. Questa deve essere  breve, ma non troppo. La fettina che porterete alla bocca deve infatti risultare ben dorata sulla superficie, ma tenera e leggermente rosata all'interno.