Consigli per dorare la pasta sfoglia

Volete dare un tocco in più alle vostre preparazioni con la pasta sfoglia, come strudel o torte salate? Il segreto è nella doratura della pasta! Come si ottiene?

Non è un mistero per nessuno: per dorare la pasta sfoglia in genere si procede a spennellare sulla superficie un po’ d’uovo o di tuorlo. Tutto qui? Ovviamente no: anche per un’operazione tanto semplice, qualche astuzia e informazione possono aiutare.

Eccovi i nostri consigli per far risaltare meglio i vostri sfiziosi antipasti con la pasta sfoglia su una bella tavola imbandita per tutta la famiglia, in occasione di un aperitivo con gli amici o nella cesta del picnic.

Gli ingredienti per dorare la pasta sfoglia

La doratura, di solito, si realizza con l’uovo intero, solamente con il tuorlo, con il latte, con l’uovo e il latte o con il burro fuso. C’è una differenza? Certamente, e vi spieghiamo qual è il tipo di doratura ideale per ciascun tipo di preparazione.

  • Per cotture brevi (per esempio, nel caso di salatini o fingerfood) vi consigliamo di utilizzare soltanto il tuorlo.

  • Per la pasta sfoglia o la brisé scegliete pure l’uovo intero, usando l’accortezza di essere un po’ più generosi con la pasta brisé (ovvero applicando quella che viene chiamata “doratura doppia”).

  • L’uovo e il latte mescolati invece renderanno la pasta sfoglia un po’ meno gialla, e andranno benissimo per delle ricette salate, come ad esempio la carne o il pesce in crosta di pasta sfoglia.

  • In caso di allergia all’uovo, infine, potrete spennellare con il latte le vostre preparazioni: è un ottimo sostituto.

  • Infine, potete utilizzare anche del burro fuso per dorare la vostra pasta sfoglia, per ottenere un risultato più ricco e profumato.

Gli strumenti

Dorare la pasta sfoglia è un’operazione che richiede strumenti minimi: una ciotola, un pennello da cucina, una frusta o una forchetta ed il gioco è fatto. L’ideale sono i pennelli in silicone, con le setole grosse, poiché sono facili da pulire una volta utilizzati.

Come si spennella la pasta sfoglia?

Una volta formata la torta, sbattete l’uovo (o il tuorlo) oppure versate il latte in una ciotola; sbattete bene per incamerare aria (con una frusta o una forchetta), aggiungete un poco d’acqua per diluire il composto e se non lo utilizzate subito, conservatelo in frigorifero. 

Altrimenti, iniziate a spennellare la superficie della torta (strudel, involtini o torta): cercate di spennellare la pasta sfoglia in modo uniforme, evitando di formare uno strato di liquido troppo spesso che, nel caso dell’uovo, risulterebbe in grumi o strisce sopraelevate una volta terminata la cottura, e di conseguenza la torta risulterebbe decisamente antiestetica!

Le ricette con la pasta sfoglia

La pasta sfoglia è un elemento davvero versatile per riuscire ad arrangiare un dolce dell’ultimo momento, ma anche un antipasto o un aperitivo: tenetela in frigo per ogni evenienza!

Potrete realizzare, ad esempio, una treccia di sfoglia ripiena, molto semplice ma elegantissima da presentare a tavola, oppure un secondo gustoso come il salmone in pasta sfoglia.

Oppure, se cercate un gusto più ricercato, provate i mini strudel con prosciutto, funghi e uva, oppure le girelle con patè d’oliva e datterino.

Infine, potrete farcirla con qualsiasi cosa vi suggerisca la vostra fantasia, per portare in tavola in breve tempo un secondo o un antipasto ricco e sfizioso!

 

Vota questo articolo