Dal salone milanese gli utensili più sfiziosi

Dai cucchiani-pennini per caffè alle ciotole di pane secco, alle forchette colorate che sorridono. Anche quest’anno, gli oggetti e gli accessori dedicati al cibo si sono ritagliati un ruolo importante nel Salone Internazionale del Mobile di Milano 2013, che ha chiuso le sue porte il 14 aprile. Tra le proposte originali e innovative, Star ha avuto un imbarazzo felice: quello della scelta. Ecco, qui sotto, i cinque prodotti che abbiamo selezionato per voi.

Le forchette che sorridono!

Originali e colorate, ma soprattutto allegre, le quattro forchette del set Plastic People proposte dalla ditta Maiuguali ricordano faccine sorridenti, grazie alla forma arrotondata e al disegno delle bocche dall’espressione scanzonata. Realizzate in plastica in azzurro, lilla, color legno e viola,  le forchettine sono una delle ultime trovate della ditta che, da 24 anni, propone oggetti e arredi per la casa tra cui accessori da cucina sfiziosi e divertenti come il set per preparare il mojito nello stesso colore di quel cocktail. 

 

L’inutilità dell’utile e l’utilità dell’inutile

È questa l'ossatura delle originali ciotole N.I.P.S. ... "una sorta di contrapposizione taoistica che trasforma la pasta di sale e il pane secco in ciotole e vasi dalle forme semplici e dalle superfici naturali”, recita la presentazione della linea realizzata da useDesign, il brand lanciato nel 2009 da Luca Scarpellini. E infatti i sobri e rigorosi vasi e ciotole presentati nell’ambito del Foodmade, mostra di oggetti “costruiti” con il cibo, sono una mistura di farina e sale da una parte e di briciole di pane secco dall’altra, mescolate con resine naturali che le rendono facilmente malleabili e allo stesso tempo resistenti. 

 

 

Inchiostro o caffè? 

Nella creativa verve del napoletano Giovanni Scafuro ci sono l’estro partenopeo ma anche il rigore nelle forme, il simbolismo colto e l’ossessione perfezionista che ha portato il designer a cimentarsi  negli oggetti più diversi con un approccio anticonvenzionale. Uno di questi è il cucchiano-pennino da caffé che deve essere impugnato come fosse una penna mentre il caffè viene usato come inchiostro: realizzato in alpacca argentata o acciaio. Tra i temi ricorrenti del noto designer gli oggetti per la cucina sono d’altronde al primo posto, in primo luogo le forchette di cui ha disegnato una sterminata gamma, e i divertenti cucchiai bucati.

 

L'eleganza del colore!

Terra.Cotto, si chiama così la linea di pentole disegnata per Sambonet da Stefania Vasques, architetto e designer catanese che vive e lavora a Milano, amante della natura “perché portatrice di una saggezza antica e ricca di conoscenza ancora da scoprire” e che si ispira anche a quella nelle sue creazioni. I bellissimi tegami, esposti alla Rinascente, nascono dal desiderio di realizzare un prodotto legato alla tradizione, ai sapori e ai colori di un tempo che solo la terracotta è in grado di trasferire in cucina, rielaborata però secondo forme giovani e moderne. La collezione propone anche un piccolo ricettario con i consigli per mangiare secondo stagione e una raccolta di ricette semplici tramandate da nonne e mamme. 

 

 

Gretel. C’è grattugia e grattugia!

 

Quella Gretel di Luciano Bertoncini è sinuosa e raffinata, perfino morbida: uno spettacolare oggetto di design che il famoso architetto ha realizzato, come recita la presentazione, per "sublimare il familiare gesto del grattugiare il formaggio". Gretel è anche facile da utilizzare e utile: per esempio, è studiata per evitare di cospargere le briciole sulla tovaglia. 

 

 

 

Quale di questi oggetti vorreste avere nella vostra cucina? Fatecelo sapere!

 

Vota questo articolo