Riso in cagnone

Il riso in cagnone è un primo piatto della tradizione lombarda e piemontese. Non è un risotto perché il riso viene lessato nel brodo e non cotto secondo il procedimento classico del risotto.Leggi di più...

  • 20-40 min
  • Facile
  • 4 persone
riso in cagnone

Ingredienti

  • Il Mio Dado Star - Classico

Preparazione Riso in cagnone

  • riso in cagnone

    Step 1

    Preparare il brodo. Mettete a bollire 1 lt di acqua con due cubetti de Il Mio Dado Star classico. Versate il riso e lasciate cuocere secondo il tempo di cottura, mescolando di tanto in tanto.

  • riso in cagnone

    Step 2

    Grattugiate il formaggio con una grattugia a fori larghi.

  • riso in cagnone

    Step 3

    In un tegame fate sciogliere il burro, aggiungete l’aglio, fate rosolare e unite anche la salvia lavata ed asciugata. Lasciate dorare e togliete dal fuoco.

  • riso in cagnone

    Step 4

    Pescate il riso dalla pentola con una schiumarola e mettetelo in una ciotola. Irrorate con il burro fuso ed il formaggio. Mescolate bene e servite ben caldo.

Valuta questa ricetta

Consigli per cucinare Riso in cagnone

Il riso in cagnone è un piatto che va consumato ben caldo e per questo vi consigliamo di scaldare i piatti preventivamente. In questo modo non ci sarà sbalzo termico e il vostro riso in cagnone sarà alla temperatura giusta. Basterà mettere i piatti qualche minuto nel forno tiepido.
Servite il riso in cagnone con della salvia fresca a decorazione del piatto ed usate un piatto fondo o una scodella, per meglio accogliere il riso e mantenerlo più caldo.

Truco destacado de la receta
Prova il nuovo Gran Ragù con Polpette

nella versione Classica e Salsiccia

Gli ingredienti del riso in cagnone sono pochi e semplici: riso, burro, formaggio e aglio. Si tratta di un piatto povero ma molto carico e calorico che veniva preparato tradizionalmente da chi lavorava nei pascoli o nei campi.

Si preparava, e si prepara tuttora, nei mesi più freddi dell’anno. La ricetta risale addirittura alla seconda metà del 1600 e ormai da parte della tradizione, tanto è vero che viene considerato un comfort food.

Il riso da utilizzare

Il riso da utilizzare in questa ricetta deve tenere una cottura omogenea durante la lessatura ed inoltre deve risultare colloso, caratteristica che è tipica di questo piatto. La varietà quindi più idonea per questo piatto è il riso Baldo.

Riso in cagnone: significato

Scopriamo perché si chiama riso in cagnone. Nel dialetto della zona di origine del riso in cagnone milanese, “cagnun” significa larva d’insetto. Il nome del piatto viene proprio da questa parola perché il riso, una volta cotto, prende una forma irregolare che la ricorda.

Le varianti del riso in cagnone

Il riso in cagnone è già di per sé un piatto molto ricco. Nonostante questo però, spesso si preparano delle varianti ancora più succulente.

Una variante molto famosa è il riso in cagnone al pomodoro che si prepara appunto aggiungendo alla preparazione della passata o del concentrato di pomodoro.

Per una versione ancora più ricca, si può servire il riso in cagnone con della pasta di salame abbrustolita oppure con l’aggiunta di pesce persico. In questi casi avrete dei perfetti piatti unici.

Per chi non ama l’aglio può anche ometterlo e si può anche sostituire la salvia con il timo fresco o secco.

Non esiste invece un riso in cagnone light perché, essendo una ricetta tradizionale, è proprio caratterizzata dalla presenza di burro in abbondanza e formaggio.

Altre ricette con il riso

Un altro piatto tipico della tradizione lombarda è il risotto alla milanese, il cosiddetto risotto giallo. Un primo piatto tipico invernale a base di zafferano. Si prepara soprattutto la domenica o nei giorni di festa.