Pausa pranzo: i consigli di Star

Quando si lavora, la cosiddetta “pausa pranzo” è, a volte, di difficile gestione e “digestione”. Abbiamo elaborato alcuni consigli utili per rendere questo momento indispensabile più leggero e, perché no, saporito!

 

Tra ristoranti troppo cari, timing serrato e il panino, che magari ha anche un po’ stufato, non è sempre facile riuscire a consumare un pasto che sia equilibrato, saporito e poco costoso.

Questi tre semplici ingredienti sono la chiave della pausa pranzo ideale ma riuscire a coniugarli può essere una vera e propria impresa. Per aiutarvi a superare “la prova”, abbiamo selezionato per voi alcuni consigli e delle ricette facili da preparare, mettere nel tupperware e riscaldare al microonde – o meno – per mangiare sul posto.

In questo modo, ci auguriamo di rendere questo momento un po’ “forzato” una piacevole interruzione della routine.

 

Tre regole d’oro per un buon inizio:

 

Iniziare bene la giornata, si sa, è la chiave per arrivare fino a sera nel miglior modo possibile combinando i mille impegni che si affastellano nel nostro quotidiano. Per questo motivo è importante: 

1. Fare una colazione sana e completa. Come ogni motore il corpo ha bisogno di “carburante” per iniziare bene la giornata. Per cui la colazione non si deve saltare e per fare un giusto pieno di energia, suggeriamo di iniziare con: yogurt, cereali o pane integrale, succo di frutta naturale (meglio se spremuta), caffè o tè e latte parzialmente scremato.

2. Bere acqua. L’acqua è presente nella massa corporea per circa il 65% ed è indispensabile per una buona forma fisica. Bere acqua (da 1 litro e mezzo a 2 al giorno) è consigliato da tutti gli esperti in nutrizione e dietetica. Serve a depurare, sgonfiarsi, ritrovare energia. Non dimenticate, inoltre, di bere acqua anche durante i pasti.

3. Non rinunciare agli spuntini. Finiti i tempi dei classici 3 pasti al giorno! Fare lo spuntino aiuta a mantenersi in forma, placare la fame tra un pasto e l’altro ed è raccomandato anche per chi segue una dieta ipocalorica. Naturalmente, ciò che conta è la qualità degli spuntini, che dovrebbero essere due: a mezza mattina e a metà del pomeriggio. Che cosa mangiare e/o bere?: 1 yogurt magro o 1 frutto, 1 tisana o caffè o tè con latte magro.

 

I piatti per il tupperware:

 

E ora veniamo al sodo! La nostra proposta di ricette, facili da preparare la sera prima per godersi una meritata pausa pranzo solleticando il palato!

1. Le Insalate

Non è mica detto che un’insalata debba essere “insipida” e “noiosa”. Un’insalata di lenticchie con trevisana e carotine contiene la giusta dose di proteine e verdura combinando fantasia e sapore; se si vuole andare più sul leggero, l’alternativa è una delicata insalata mediterranea insaporita da acciughe e olive nere; per i più raffinati, suggeriamo questo piatto di insalata con salmone, rucola e pinoli.

2. I piatti da riscaldare

In quasi tutti gli uffici c’è un microonde a disposizione dei lavoratori. Il nostro consiglio è: usatelo per riscaldare i vostri piatti preparati in casa! Tra questi potete includere: un saporito gratin di cipolle e pomodori , facile e veloce da preparare; un’originale insalata tiepida di seppie e finocchi; una millefoglie di pasta fresca e pomodorini secchi   per sfruttare, magari, gli avanzi del giorno prima.

 

3. I piatti freddi

Per chi non ama “gli sforzi” e arriva alla pausa affamato, ecco alcune idee di piatti pronti da mangiare immediatamente. I più salutisti potranno optare per un’insalata di pasta a base di fusilli integrali, fave e ricotta; una saporita omelette agli spinaci e formaggio; un’originale caponata può essere preparata con l’aggiunta di zucca e carciofi 

4. Il dessert

E per un “dolce” ritorno alla scrivania, ecco tre creative idee per finire un pasto rapido ma soddisfacente. I biscottini al cioccolato con frutti secchi  un pieno di energia; la mousse di kiwi https://www.star.it/ricetta/mousse-di-kiwi/, sostanziosa e corroborante; la tortina di fichi , delizioso dolcetto di stagione.

 

Che ne pensate? Qual è il vostro piatto preferito per la pausa pranzo?

 

Vota questo articolo