Un menù giallo mimosa

Se è vero che la festa della donna in Italia si caratterizza per uscite di massa delle donne di casa (e non) al ristorante, può essere divertente ritrovarsi tra donne per cucinare insieme un menù ad hoc.

Il fil rouge che abbiamo scelto per questo menù è il giallo, come il fiore, la mimosa, che simboleggia questa festa tutta al femminile.

Vi presentiamo i nostri piatti.

Cominceremmo con una millefoglie di frittate farcite. Il giallo brillante dell’uovo si accorda molto bene con il tema scelto. Mini porzioni con mini frittatine possono essere perfette per iniziare questo pranzo – o cena – in simpatica compagnia. Per rendere più originali le frittate, abbiamo aggiunto dei pisellini nell’impasto, ma potete usare qualsiasi altro tipo di verdura di stagione: dalle bietole, agli spinaci alle puntine di broccoli …

Un risotto allo zafferano si può preparare collegialmente e non c’è neanche bisogno di fare cuocere il brodo. Per risparmiare tempo, e rendere la preparazione più rapida, vi suggeriamo di fare come noi: usate un brodo preparato con un cubetto de I Dadi Star – Classico. Se volete che il vostro riso sia più brillante e colorato, abbondate pure con lo zafferano!

Il tortino di patate e salmone è in tinta e si presta bene al festino in quanto si può preparare anche il giorno prima e tirare fuori al momento giusto, senza dovere passare troppo tempo davanti ai fornelli. Noi abbiamo usato delle patate a pasta bianca, ma se volete rendere il colore del vostro tortino più intenso, potete usare delle patate a pasta gialla.

Una fresca mousse al limone può completare questo pasto monocolore. I limoni (meglio se Bio) sono perfetti per preparare una mousse a base di latte condensato, panna, yogurt, succo e scorza del frutto. Ricordate che la mousse dà il meglio di sé se la preparate con anticipo e la conservare nel frigorifero almeno due ore prima di consumarla.

 

Tutte queste ricette (risotto  a parte), possono essere preparare in anticipo e/o condivise in una tavola comune all’insegna della solidarietà che, in questo caso, sarà tutta al femminile!

Vota questo articolo