Riso con gamberetti e pesto

Riso con gamberetti e pesto

1 Voti | 0 Commenti

Riso con gamberetti e pesto: un primo piatto carico di sapore in cui ritroviamo anche una sintonia di colori!

Come preparare il riso con gamberetti e pesto

Il riso è il re dei primi piatti italiani, soprattutto di quelli del Nord Italia. Grazie a versatilità, sapore e leggerezza, tutte caratteristiche che gli sono proprie, possiamo dire che un buon primo a base di questo cereale è sempre apprezzato sulle tavole degli italiani. Che preferiate il chicco rotondo, come l'Arborio o il Carnaroli, allungato come il basmati, oppure di colore scuro, come quello delle varietà integrali, una cosa è certa: il riso si può abbinare a una serie quasi infinita di ingredienti che danno vita a innumerevoli piatti sempre gustosi e facili da preparare. 

Il nostro cereale si amalgama con carne, verdure e pesce in cremosi risotti; d'estate si unisce a pomodorini, uova e tonno per formare fresche insalate che rallegrano pranzi o cene; avvolto nella pasta sfoglia e accompagnato da uova e parmigiano diventa una torta salata, ottima da portare ai picnic. Con zucchero e crema pasticcera, infine, si trasforma nel dolce della domenica.

Insomma, il riso è un ingrediente che, in virtu della sua versatilità, si presta a essere impiegato in numerose maniere. È per questo motivo che lo ritrovate frequentemente sulle nostre pagine, e che lo abbiamo scelto come protagonista della nostra ricetta di oggi.  

Per legare il nostro riso con gamberetti e pesto abbiamo usato il Tigullio GranPesto Pomodori Secchi e Pistacchi. Questa salsa conferisce al tutto un sapore deciso e originale che non interferisce con quello degli altri ingredienti, anzi contribuisce a dar loro risalto. Come per ogni ricetta, infatti, anche il segreto di questo piatto sta nel giusto equilibrio tra sapori diversi ma affini, senza che l'uno sovrasti in modo eccessivo l'altro.

Se vi abbiamo stuzzicato sufficientemente l'appetito, è giunta l'ora di mettetervi all'opera. Leggete qui!

  • 40-60 min
  • 4
  • Facile
  • Primi

Ingredienti

  • 140 g

    di riso Arborio o Carnaroli

  • 140 g

    di riso Venere

  • 200 g

    di gamberetti

  • 3 cucchiai di

    Tigullio GranPesto Pomodori Secchi e Pistacchi

  • 2 cucchiai

    di olio extravergine di oliva

  • 1 spicchio di

    aglio in camicia

  • Qualche fogliolina

    di prezzemolo fresco per decorare

  • 2 pugni

    di sale grosso

Preparazione: Riso con gamberetti e pesto

Mentre fate cuocere separatamente le due varietà di riso in abbondante acqua salata, pulite i gamberetti: privateli della testa ed estraetene l’intestino.
Step 1
Fate soffriggere i gamberetti in una padella antiaderente con l’aglio in camicia e poco olio extravergine di oliva.
Step 2
Dopo qualche minuto eliminate l’aglio e aggiungete il riso che intanto avrete scolato e il Tigullio GranPesto Pomodori Secchi e Pistacchi.
Step 3
  • Step 1

    Mentre fate cuocere separatamente le due varietà di riso in abbondante acqua salata, pulite i gamberetti: privateli della testa ed estraetene l’intestino.

  • Step 2

    Fate soffriggere i gamberetti in una padella antiaderente con l’aglio in camicia e poco olio extravergine di oliva.

  • Step 3

    Dopo qualche minuto eliminate l’aglio e aggiungete il riso che intanto avrete scolato e il Tigullio GranPesto Pomodori Secchi e Pistacchi. Mescolate bene e servite con qualche fogliolina di prezzemolo.

In questa ricetta trovano spazio due tipi di riso diversi: il Carnaroli (ma va bene anche l'Arborio) e il Venere (o riso nero), e la loro unione genera un piatto dall'aspetto bicolore. Ma non si tratta soltanto di estetica: l'abbinamento di entrambe le varietà è alla base dell'equilibrio di questa ricetta. Per ottenere il meglio dalla composizione gastronomica, attenetevi alle indicazioni e cuocete i due risi separatamente per unirli poi soltanto alla fine della preparazione.

Come tutto il riso integrale, il riso Venere necessita di una cottura più prolungata rispetto all'Arborio o al Carnaroli. Mentre questi ultimi sono pronti in 15 minuti, il riso nero va cotto in media 18 minuti. Da qui la necessità di una cottura separata.

Se il Carnaroli e l'Arborio sono le qualità più note ed utilizzate, ultimamente il Venere sta guadagnando sempre più terreno, incrementando il numero dei suoi seguaci in cucina. Per quanto sia originaro della Cina (anticamente era il riso che soltanto l'imperatore poteva mangiare, tanto era considerato pregiato), il riso Venere si coltiva oggi anche in Italia, in particolare nella valle del Po. 

Una volta cotto, il riso Venere ha un sapore che ricorda molto quello delle noccioline tostate. Per questo motivo viene spesso utilizzato in composizioni ricercate e dal sapore esotico.

Vi appassiona questa qualità di riso? Tra le molte ricette del sito, vi segnaliamo: l'insalata di riso venere con avocado e zucchine, lo sfizioso piatto invernale di riso venere con broccoletti e uva e l'insalata di riso venere con peperoni e zucchine.   

Consigli di preparazione: Riso con gamberetti e pesto

Per evitare che il riso risulti scotto e un po’ “colloso”, quando lo scolate passatelo sotto l’acqua fredda affinché perda tutto l’amido. In questo modo i chicchi risulteranno di nuovo ben sgranati.

Altri contenuti che ti potrebbero interessare...

Per poter partecipare, ricordati che devi registrarti per entrare a far parte della nostra community.

Se sei registrato...

Entra
o

Non sei ancora un membro della community?

Registrati
shadow