Scarpetta al ragù: la pausa pranzo di Napoli!

Un piatto di sugo da raccogliere con il pane ... la divertente trovata di un ristorante napoletano.

Scarpetta al ragù: la pausa pranzo di Napoli!

2 Voti | 0 Commenti

"L'idea mi è venuta a tavola con mia nonna. Abbiamo ricordato la domenica quando lei veniva a casa e mi serviva la sua complicità per affondare la fetta nel pentolone quando mamma era distratta …" Ha dichiarato Manuela Mirabile, titolare del ristorante Tandem, al quotidiano il Mondo.

 

E chi non si immedesima in questa scena che si consuma almeno una volta alla settimana in molte famiglie italiane? La pentola con il ragù che bolle - almeno 4 ore sostengono i “fondamentalisti” – e la tentazione di tuffare il pane per assaggiare la salsa che, prima o poi, ricoprirà un bel piatto di pasta

Mentre a tavola questo gesto goloso viene concesso più o meno ufficialmente, con l’idea di questa ristoratrice napoletana, cade il tabù di “fare scarpetta” al ristorante. E ai clienti viene proposta come pausa pranzo, o aperitivo, da consumare come un gioco, magari sfidandosi a chi è più veloce nell'inzuppare il pane.

Chi mangia rapidamente paga soltanto un euro”, spiega Mirabile. La tariffa poi aumenta di 1 euro al minuto fino alla consumazione del piatto al completo!

E a giudicare da questo video, il ragù che arriva in tavola in piatti scenografici non è soltanto bello da guardare, ma anche molto buono da gustare!

 

 

 

 

E se 4 ore per cuocere il sugo vi sembrano troppe - e vivete agli antipodi del capoluogo partenopeo - la nostra proposta è: provate a fare scarpetta con uno dei nostri ragù!

 

Per poter partecipare, ricordati che devi registrarti per entrare a far parte della nostra community.

Se sei registrato...

Entra
o

Non sei ancora un membro della community?

Registrati
shadow